LA CANDIDA ALBICANS: UN PROBLEMA MOLTO FREQUENTE.

Buongiorno a tutti!

E’ da un po’ che non riesco a scrivere, complice il poco tempo tra bimbo piccolo e visite per un “fagioletto/a” in arrivo! Ebbene sì tra qualche mese diventerò mamma-bis! Ma non voglio rinunciare al mio piacevole appuntamento con il pc per scrivere articoli che elaboro mentalmente durante la settimana, non vedendo l’ora di scriverli! Oggi voglio parlare della Candida, un problema che affligge molte donne, anche giovani o in gravidanza, che spesso si cerca di curare con antibiotici o farmaci di sintesi che in realtà, nella maggiorparte dei casi, vanno ad aggravare la situazione. Ma vediamo ora nello specifico questa patologia per cercare di capirne le cause e i rimedi, talvolta non presi in considerazione perché banali o naturali.

Vi auguro una buona lettura e una buona giornata!

A presto

Gloria

candida-2

La Candida Albicans è un microrganismo presente abitualmente nelle mucose che rivestono la superficie interna del tratto digestivo, respiratorio e delle vie uro-genitali. Normalmente non crea problemi, ma ci sono particolari condizioni che possono trasformare questo fungo in forme più aggressive e fastidiose. Tra le principali cause in grado di scatenare la Candida vi sono:

  • RIPETUTI TRATTAMENTI ANTIBIOTICI

  • TERAPIE IMMUNOSOPPRESSIVE (ad esempio quelle per artrite reumatoide, malattie immunitarie, etc…)

  • TERAPIE CORTISONICHE

  • DIABETE MELLITO

  • USO DELLA PILLOLA ANTICONCEZIONALE

  • DIETE SQUILIBRATE RICCHE DI ZUCCHERI RAFFINATI E POVERE DI SOSTANZE COADIUVANTI IL SISTEMA IMMUNITARIO (vitamina A, Beta-Carotene, Zinco, etc…)

Come potete notare alla base di tutto ci sta il disequilibrio del sistema immunitario che permette la trasformazione e la moltiplicazione della Candida stessa in forme più patogene e pericolose. E’ di estrema importanza per coloro già affetti da malattie croniche che prendono cortisonici o immunosoppressori, agire anche nell’arginare gli effetti della Candida, in quanto molti sintomi possono sovrapporsi a quelli della malattia già presente.

Ma come avviene la colonizzazione della Candida?

La Candida è, come dicevamo, presente nella totalità delle persone a livello intestinale e tramite i batteri della flora è mantenuto nella forma di lievito innocua. Ma una alterazione o carenza della flora batterica intestinale provoca la conversione della Candida da lievito a fungo, una forma patogena e aggressiva. Nel momento stesso in cui la flora batterica viene distrutta, la Candida inizia a invadere i tessuti e a causare l’infezione.

Sia in caso di infezione che di leggera intolleranza è necessario riportare la Candida alla sua forma innocua, agendo con una dieta appropriata e integrando con sostanze che attaccano la Candida regolando la flora batterica e stimolando il sistema immunitario. Nel caso di persone che soffrono di colon irritabile (vedi articolo) la Candida può manifestarsi in maniera più frequente o comunque essere sempre in agguato, a questo scopo è bene seguire una dieta povera di carboidrati, dolci, formaggi, alcool, lieviti e latticini. Non a caso quando si ha la Candida, siamo richiamati proprio da dolci, carboidrati e lieviti. PERCHE’ SECONDO VOI? Perché il fungo legandosi ai tessuti riesce a mandare messaggi al cervello attraverso le cellule neuronali su ciò di cui ha più bisogno per nutrirsi.

A scopo preventivo è bene assumere una dieta prevalentemente alcalina con frutta e verdura a volontà, poche proteine animali e pochi carboidrati, zuccheri e lieviti.

Un altra causa della Candida, collegata in maniera evidente alle altre, è lo stress. Esso, tramite anche la non rara fame nervosa correlata, va ad alterare il normale equilibrio intestinale portando alle conseguenze che abbiamo sopra elencato.

Quali sono i rimedi che possiamo integrare alla dieta corretta?

La terapia naturale che consiglio per il trattamento della Candida consiste di 5 prodotti:

  1. ESTRATTO DI SEMI DI POMPELMO IN GOCCE (vedi articolo)

  2. MAGNESIO CARBONATO 

  3. OLIGOELEMENTO LITIO

  4. DETERGENTE INTIMO CON TEA TREE OIL

  5. FERMENTI LATTICI (senza lattosio)

L’estratto di semi di pompelmo agisce da antimicotico, è molto efficace e non compromette la microflora intestinale; il magnesio e i fermenti riequilibrano la flora batterica consentendo la distensione del colon e la respirazione dei batteri “buoni”. Inoltre il magnesio, assieme all’oligoelemento Litio contribuiscono a mantenere basso il livello di stress portando al rilassamento della persona. Il detergente con tea tree oil consente una ottima detersione antibatterica e antimicotica a livello delle mucose vaginali esterne. Già nel giro di 3-4 giorni i sintomi cominceranno a diminuire fino a scomparire nell’arco di una settimana, dieci giorni massimo.

N.B: controllare la posologia sulla confezione del prodotto che assumete, essa varia a seconda della ditta produttrice.

Di norma consiglio:

  • 3 VOLTE AL GIORNO I SEMI DI POMPELMO (DA 15 A 25 GOCCE) PRIMA DEI PASTI

  • UN MISURINO O UNA BUSTINA DI MAGNESIO IN 1/2 LITRO DI ACQUA DA BERE DURANTE IL GIORNO

  • 2 FIALETTE DI OLIGOELEMENTO LITIO DA ASSUMERE AL MATTINO APPENA SVEGLI E LA SERA PRIMA DI DORMIRE

  • 1 FIALETTA DI FERMENTI LATTICI PRIMA DI COLAZIONE DOPO I SEMI DI POMPELMO

  • DETERGENTE INTIMO: TUTTE LE VOLTE IN CUI SE NE HA BISOGNO

Ecco qua, nel caso mi sia dimenticata qualche situazione particolare di cui avete piacere di parlarmi non esitate a contattarmi in privato!

Ancora buona giornata e a presto!
Gloria

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *