LA MEDITAZIONE

Buon pomeriggio a tutti e buona domenica!

Oggi voglio parlarvi di una pratica a me molto cara e preziosa: LA MEDITAZIONE. E’ abbastanza tempo che non medito e invece dovrei proprio intraprendere una seduta, io tra me e me, soprattutto ora che i livelli di stress e ansia per l’arrivo del mio secondo cucciolo sono in aumento! In passato la praticavo almeno ogni due giorni a qualunque ora mi fosse possibile, poi ho cominciato a rimandare e … ora è tempo di ricominciare!

Vi lascio ad una buona lettura e, nel caso vogliate raccontare la vostra esperienza meditativa, non esitate a scrivere sulla pagina Facebook di LA NATURA, LA MENTE E LA VITA o nei commenti o in privato (sui “Contatti” trovate tutto), come preferite!

A presto e un abbraccio

Gloria

La parola “MEDITAZIONE” deriva dal latino “meditatio” che significa riflessione. In effetti è molto importante per permettere alla nostra mente di calmarsi e di silenziare quel solito rumorio e chiacchiericcio che sentiamo dentro di noi nei periodi di maggiori stress e impegni. Ciò permette di raggiungere uno stato di pace e serenità dal quale possono affiorare pensieri, idee e soluzioni. Al di là dello scopo filosofico-religioso per cui molte religioni ne fanno uso, essa è una forma di preghiera volta al nostro Io interiore, una coccola  che permette di curare la parte più profonda del nostro essere.

Distinguiamo due tipi di meditazione:

  • RIFLESSIVA: l’attenzione dell’individuo viene indirizzata su un qualsiasi oggetto.

  • RECETTIVA: lo scopo di questa tipologia è la totale assenza di pensieri per, come dicevamo prima, calmare l’attività psichica spesso confusionaria dell’individuo.

Numerosi studi scientifici hanno individuato le seguenti componenti dello stato meditativo di qualunque scuola o religione esso faccia parte, e i seguenti effetti sulla salute dell’uomo.

  1. Rilassamento

  2. Concentrazione

  3. Alterato stato di coscienza

  4. Sospensione dei processi di pensiero logico e razionale

  5. Presenza di una attitudine alla autocoscienza ed alla auto-osservazione

  • Minor depressione

  • Difese immunitarie rinforzate

  • Riduzione dei livelli di cortisolo quindi rabbia, ansia e stress

  • Stato di rilassamento profondo in cui si attiva un processo di guarigione e rigenerazione del corpo

  • Aumento della serotonina (ormone della felicità)

All’inizio è difficile distaccare la mente da tutto, dai pensieri, dai rumori, dalle sensazioni, ma con la giusta frequenza di allenamento ci si può abituare in fretta. Per una pratica più profonda consiglio sempre di affidarsi inizialmente a un insegnante che possa seguirvi in tutti i passaggi (le mie bravissime insegnanti di yoga Cristina e Carlotta mi hanno introdotta alla pratica) alcuni dei quali abbastanza delicati.

Vediamo ora un semplice esercizio di meditazione con cui possiate esercitarvi.

  1. Scegli un luogo tranquillo, privo di distrazioni (TV, cellulare, etc…), non necessariamente ampio e completamente silenzioso. Puoi utilizzare anche della musica a patto che sia rilassante e con ritmo regolare.

  2. Indossa degli indumenti comodi e adatti alla temperatura dell’ambiente che hai scelto.

  3. Preparati a dedicarti dai 5 ai 30 minuti del tuo tempo. Molti esperti consigliano due sessioni giornaliere da 20 minuti ciascuna, ma per la mia esperienza credo sia meglio cominciare con 5 minuti una volta al giorno per poi aumentare pian pianino. Imposta un timer dolce o prefissati di terminare all’accadere di un determinato evento (senza controllare costantemente l’orologio).

  4. Esegui qualche esercizio di streching per preparare il tuo corpo a stare nella stessa posizione per un po’ di tempo e per sciogliere le tensioni accumulate fino a quel momento a causa di posture sbagliate o stress.

  5. Siediti trovando la posizione più consona a te. Io preferisco stare seduta a terra con un cuscino sotto il bacino, a gambe incrociate, schiena e collo in linea e braccia poggiate sulle ginocchia con i palmi rivolti verso l’alto.

  6. Chiudi gli occhi.

  7. Concentrati sul respiro e sull’addome che si alza e si abbassa, senza giudicare solo osservando. E’ normale, soprattutto se si è agli inizi, che la mente cominci a vagare ma non scoraggiarti! Riportala sul respiro e piano piano “capirà”.

  8. Ora puoi concentrarti su due cose: la RIPETIZIONE DI UN MANTRA a voce o dentro di te (uno potrebbe essere il classico “UHM” che in Sanscrito significa “IO SONO”, fallo vibrare dentro di te lasciando che la frase o la parola si annidino nella tua mente distaccandola dal resto) o la VISUALIZZAZIONE DI UN TUO LUOGO DI PACE di cui puoi osservare tutto (colori, forme, profumi, etc…)

  9. Come per il training autogeno (vedi link) inizia a concentrarti su ogni singola parte del tuo corpo, sciogliendola da tensioni accumulate e lasciandola andare al rilassamento. Qui potresti terminare i tuoi primi esercizi meditativi.

La durata di questo stato meditativo e l’intensità dello stato stesso determinano il grado di esperienza e capacità raggiunti. Non è una gara con se stessi, è un esercitarsi per arrivare al meglio per il nostro Io.

Esistono molti tipi di meditazione (la meditazione camminata, la meditazione del chakra del cuore, la meditazione trascendentale, etc…) che,  come vi dicevo precedentemente, necessitano della vicinanza di un maestro durante la pratica. Sta di fatto che la meditazione è anche un esercizio alla consapevolezza di ciò che si sta facendo in quel preciso istante, del qui e ora. Quindi ci si può allenare anche ad esempio mentre si mangia diventando consapevoli del cibo che si sta masticando e delle sensazioni a cui ci rimanda; oppure nei momenti di tensione in ufficio, a scuola, a casa, concentrandosi sul proprio respiro per qualche minuto. Questo significa VIVERE CONSAPEVOLMENTE, senza lasciare che l’automatismo delle azioni prenda il sopravvento.

Consiglio inoltre di cercare di ritagliarsi del tempo per meditare alla stessa ora ogni giorno. Io preferivo le ore serali prima di coricarsi ma comunque lontano dalla cena per evitare che la digestione potesse influenzare la concentrazione. Un altro momento molto consigliato è quello delle prime ore del mattino. In ogni caso a voi la scelta secondo le vostre preferenze!

L’importante è relax e consapevolezza!

A presto e buona meditazione!

Gloria

Commenti (2)

  1. Adidas NMD XR1 White Red

    You made some first rate points there. I regarded on the internet for the issue and found most people will associate with with your website.

    Rispondi
  2. kyrie 3

    My spouse and i ended up being really happy that Peter managed to do his homework through the entire precious recommendations he got when using the web pages. It’s not at all simplistic to simply always be giving out helpful tips that others might have been selling. And we also remember we have got you to thank because of that. The main explanations you made, the straightforward website navigation, the relationships you will help create – it is most wonderful, and it’s leading our son in addition to the family know that this article is satisfying, which is truly important. Many thanks for the whole thing!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *